DETTAGLI

La Stipula

Spumante Bianco Brut
Metodo Classico Millesimato

Descrizione sintetica

Paglierino scarico, brillante e dal perlage fine e persistente. presenta un'elegante fragranza che si caratterizza per sentori di fiori bianchi e frutta croccante. Al gusto è pieno e piacevolmente sapido, caratterizzato da un finale lungo e gradevole.

Aglianico del Vulture in purezza

10-12 °C

Da solo, come aperitivo, o con stuzzichini variati, tra i quali i fritti. Può essere servito a tutto pasto con piatti di mare e con le verdure

Uve: 100% Aglianico del Vulture rigorosamente Millesimato ottenuto con metodo classico.
Vendemmia: manuale ultima decade di settembre.
Vinificazione: vinificazione in bianco e fermentazione in barriques per 15 giorni e seguente passaggio in acciaio.
Maturazione: rifermentazione in bottiglia e 18 mesi di affinamento sulle fecce in grotte tufacee e sboccatura senza aggiunta di zucchero e ricolmata con lo stesso vino dello stesso anno.
Alcool: 13,00 % circa
Esame organolettico:
Colore: Paglierino scarico, brillante e con perlage fine e persistente.
Profumo: al naso rivela un’elegante fragranza che si caratterizza per sentori di fiori bianchi e frutta croccante, crosta di pane e lievito fresco.
Sapore: al gusto è pieno e piacevolmente sapido, caratterizzato da un finale lungo e gradevole con sentori di frutta gialla matura e con piacevoli note vanigliate.
Abbinamenti: da solo, come aperitivo, o con stuzzichini variati, tra i quali i fritti. Può essere servito a tutto pasto con i piatti di mare e con le verdure.
Temperatura di Servizio: intorno ai 10-12°C
Formati: 75 cl

  • LA STIPULA 2012

    08/05/2017

    PREMIATO CON 84 PUNTI DA ANDREAS LARSSON - BEST SOMMELIER OF THE WORLD - ANNO 2017
  • La Stipula 2011

    20/07/2015

    PREMIATO CON 87 PUNTI PARKER USA
  • La Stipula 2010

    06/12/2013

    PREMIATO CON LA GRAN MENZIONE AL CONCORSO ENOLOGICO INTERNAZIONALE VINITALY 2012
PUPARULI CRUSCHI PASTELLATI RIPIENI CON ACCIUGHE

Dal libro delle ricette di zia Anna, zia Giulia, zia Rosa e zia Raffaella

Ingredienti:

250 g di farina 15 g di lievito di birra acqua quanta ne assorbe la farina sale 50 g di acciughe sott’olio 200 g di peperoni secchi olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Preparate una pastella molto morbida e si lascia lievitare al caldo. Nel frattempo prendete i peperoni secchi, tagliateli a listarella, metteteli a mollo in acqua tiepida per 10 minuti e poi strizzateli. Quando la pasta è lievitata, ravvolgete nella pastella un pezzo di peperone con in mezzo le acciughe e friggete in olio ben caldo e abbondante (in cui si mette uno stuzzicadenti per non far annerire l’olio). Servite bollenti. N.B. I peperoni possono essere sostituiti con i fiori di zucca ripieni con scamorza e acciughe oppure solo con il baccalà, precedentemente bollito e scolato.